Agevolazioni finanziarie per le PMI che vogliono investire nel digitale

  • Agevolazioni finanziarie per le PMI che vogliono investire nel digitale

    Agevolazioni finanziarie per le PMI che vogliono investire nel digitale

    Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la circolare n. 4567 del 10/02/2014 (“NUOVA SABATINI”), ha definito i termini e le modalità per la richiesta di finanziamenti da parte delle piccole e medie imprese (fino a 250 dipendenti) finalizzati all’acquisto di hardware, software e tecnologie digitali. Tali acquisti possono essere destinati alla creazione di una nuova unità produttiva, all’ampliamento di una esistente, alla diversificazione della produzione, al cambiamento fondamentale del processo produttivo o all’acquisizione degli attivi direttamente connessi a una unità produttiva.

    L’intervento agevolativo prevede l’erogazione di:

    • finanziamento/leasing finanziario a copertura degli investimenti ammissibili (fino al 100%), durata massima 5 anni (di cui massimo 12 mesi di preammortamento/ prelocazione), valore compreso tra € 20.000 ed € 2.000.000;
    • • contributo in conto interessi pari al 2,75% in abbattimento del tasso di interesse convenzionato, erogato in quote annuali.

    Gli investimenti dovranno essere avviati successivamente alla domanda di accesso ai contributi e completati entro il periodo di preammortamento/prelocazione (massimo 12 mesi). I finanziamenti/leasing saranno erogati dagli intermediari finanziari che si stanno convenzionando con Cassa Depositi e Prestiti (l’elenco aggiornato sarà disponibile sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico).

    I moduli per effettuare le domande di agevolazione sono pubblicati sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico a questo indirizzo. Tali moduli dovranno essere compilati in formato elettronico, sottoscritti mediante firma digitale e inviati a partire dalle ore 9.00 del 31/03/2014, esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo PEC dell’intermediario finanziario prescelto.
    Le domande saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di prenotazione delle risorse, fino a esaurimento delle stesse.

    Clicca qui per scaricare la scheda riassuntiva del provvedimento agevolativo.
    Le aziende interessate a un’analisi preventiva dell’investimento possono contattare gli uffici di Punto Finanziario.

    Iscriviti subito alla newsletter Ribo